Primo Movimento

EMBRIONE

prima rappresentazione: Evento Ipercorpo 2006, Sala Rovere - Forlì, 11 e 12 novembre 2006

con: Valentina Bravetti, Daniele Romualdi, Simona Zauli
assistenza tecnica: Thomas Lombardi
corpo del suono: Elicheinfunzione
ideazione, luci e regia: Claudio Angelini
produzione: Città di Ebla
Miglior spettacolo Festival Loro del Reno anno 2006 :: Teatri di Vita - Premio Stefano Casagrande

Il primo movimento (Embrione) contiene, in visione microscopica, gli elementi fondamentali dei movimenti successivi. Ciò significa che i movimenti successivi  amplificheranno ed accresceranno visioni in potenza già contenute nell’embrione.
I corpi in scena costruiscono la partitura assieme al suono, la cui esecuzione avviene in diretta. Si può parlare di un vero e proprio dialogo fra corpo e suono, visto che la sonorità segue e precede, accoglie e respinge il movimento dei corpi che appaiono agiti dal suono stesso.
Due elementi fondamentali di tutta la costruzione sono la discesa verticale dei ferri chirurgici ed il drain, uno scolo a pavimento dove vengono evacuati i liquidi impuri del rito. Tale scolo apre all’idea di un mondo sotterraneo, invisibile, ma che fa avvertire la sua presenza proprio grazie alla fenditura al suolo e nello stesso tempo diviene gorgo tecnologico, qualcosa costruito  dall’uomo per eliminare l’impuro dalla vista, farlo sparire.

 

Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione
Embrione

  • 1